• Administrator

Crediti d’imposta su energia e gas vincolati al de minimis

La novità emerge dalla modifica, in sede di conversione, all’articolo 2 del Dl 50/2022: gli aiuti sotto forma di credito d’imposta per le spese di acquisto di gas ed energia elettrica (quest’ultimo per le imprese non energivore, da valutare cosa succederà per i crediti d’imposta a favore delle imprese energivore) diventano sottoposti alla normativa “de minimis”.


Si ricorda che gli aiuti “de minimis”, il cui importo non è mai stato incrementato dal 2013 a oggi, prevedono un massimale ottenibile pari a 200mila euro, calcolato su base triennale considerando tutti gli aiuti concessi sotto questo regime. Inoltre, gli stessi sono soggetti alla definizione di “impresa unica”, per cui tutti il tetto di 200mila euro tiene conto di tutti gli aiuti ottenuti dalle imprese appartenenti allo stesso gruppo.

La modifica avviene con l’aggiunta del comma 3 ter che prevede semplicemente «gli aiuti sono concessi nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato in regime de minimis».


Fonte Il Sole 24 Ore

39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Con il decreto semplificazioni è stato cancellato il vincolo del de minimis per le imprese che beneficiano dei crediti d'imposta contro il caro bollette. Con l'addio al tetto di 200mila euro complessi

Il decreto aiuti interviene sul credito d’imposta per investimenti in beni immateriali 4.0, i software, disponendo l’innalzamento del beneficio dal 20 al 50%. La maggiorazione si applica retroattivame

Con l’aggiornamento del modello per la comunicazione dell’incremento del valore delle rimanenze finali di magazzino nel settore tessile, della moda e degli accessori comunicato il 6 maggio dall’agenzi