top of page
  • Administrator

Crediti d’imposta su energia e gas vincolati al de minimis

La novità emerge dalla modifica, in sede di conversione, all’articolo 2 del Dl 50/2022: gli aiuti sotto forma di credito d’imposta per le spese di acquisto di gas ed energia elettrica (quest’ultimo per le imprese non energivore, da valutare cosa succederà per i crediti d’imposta a favore delle imprese energivore) diventano sottoposti alla normativa “de minimis”.


Si ricorda che gli aiuti “de minimis”, il cui importo non è mai stato incrementato dal 2013 a oggi, prevedono un massimale ottenibile pari a 200mila euro, calcolato su base triennale considerando tutti gli aiuti concessi sotto questo regime. Inoltre, gli stessi sono soggetti alla definizione di “impresa unica”, per cui tutti il tetto di 200mila euro tiene conto di tutti gli aiuti ottenuti dalle imprese appartenenti allo stesso gruppo.

La modifica avviene con l’aggiunta del comma 3 ter che prevede semplicemente «gli aiuti sono concessi nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato in regime de minimis».


Fonte Il Sole 24 Ore

50 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Aggiornamenti 5.0 e Zes unica

Entro giugno sono attesi il decreto attuativo e la circolare ministeriale del piano Transizione 5.0 con il manuale per i tecnici e la specifica dei soggetti abilitati a rilasciare le dichiarazioni ex

Al via la procedura per compensare i crediti 4.0

Dalle ore 12 di lunedì 29 aprile è possibile compilare i modelli di comunicazione per compensare i crediti d’imposta per gli investimenti del piano Transizione 4.0, come da decreto del Ministero delle

Transizione 5.0 e pannelli Ue

L’accesso al credito d’imposta 5.0 prevede l’obbligo di realizzare un progetto di innovazione che contempli l’acquisizione di beni materiali e immateriali nuovi, strumentali all’esercizio d’impresa pr

Comments


Commenting has been turned off.
Post: Blog2 Post
bottom of page