• Administrator

Fondo per la transizione industriale

Efficienza energetica ed economia circolare dovranno essere i pilastri dei progetti finanziabili col nuovo Fondo per la transizione industriale: si tratta di 150 milioni a decorrere dal 2022 previsti dall’ultima legge di bilancio, con una quota del 50% riservata alle imprese energivore. Sono ammesse imprese di qualsiasi dimensione per programmi di investimento, eventualmente accompagnati da progetti di formazione del personale (per massimo il 10% del valore), che perseguono obiettivi ambientali.


Il progetto deve essere orientato a una di queste finalità: maggiore efficienza energetica nell’unità produttiva; riuso, riciclo o recupero di materie prime; cambiamento del processo produttivo con soluzioni di efficienza energetica o riciclo (in questo caso le agevolazioni sono limitate). I programmi di investimento devono essere supportati da uno studio con cui individuare obiettivi misurabili e monitorabili. Nello specifico, per l’efficienza energetica va prevista l’introduzione di sistemi di monitoraggio dei consumi.

Ulteriori disposizioni riguardano la dimensione dei progetti, che dovranno avere spese totali tra 3 e 20 milioni. Inoltre, dovranno essere avviati dopo la presentazione della domanda di accesso al Fondo e realizzati entro 36 mesi dalla data di concessione del contributo (con una sola proroga di 12 mesi).


Le agevolazioni saranno concesse, come contributo a fondo perduto, alle condizioni ed entro i limiti delle intensità massime di aiuto previste dal Regolamento Gber. Quattro le categorie di spese ammissibili: suolo aziendale e sue sistemazioni (se necessarie agli obiettivi ambientali e nei limiti del 10% dell’investimento); opere murarie e assimilate (se necessarie agli obiettivi e nel limite del 40%); impianti e attrezzature nuovi di fabbrica; programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate relative a nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi.

Occorrerà un provvedimento direttoriale del ministero che fissi la data di apertura per le domande che saranno valutate con un procedimento a sportello, fino a esaurimento delle risorse. È possibile cumulare gli incentivi con altri aiuti nel rispetto del Regolamento Gber, ma se concessi nell’ambito del Quadro temporaneo, non possono essere sommati con altri aiuti di Stato per gli stessi costi ammissibili.


Fonte Il Sole 24 Ore

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Dal Pnrr arrivano oltre 350 milioni di rifinanziamento che permettono la riapertura, dal 28 novembre 2022, dei contratti di sviluppo a sostegno di programmi su fotovoltaico (Pv), eolico e batterie. La

Da oggi, 17 novembre, le imprese possono presentare domanda per le agevolazioni a progetti innovativi previste dal “Green new deal”: in tutto sono disponibili 750 milioni. L’incentivo, un mix di finan

Pubblicato il decreto direttoriale 14 novembre 2022 del Ministero delle Imprese e del Made in Italy che stabilisce termini e modalità per la presentazione delle domande di agevolazione a valere sul se