• Administrator

Ricerca su farmaci e vaccini, bonus in attesa di chiarimenti

Il credito d’imposta del 20% sugli investimenti in ricerca e sviluppo su farmaci e vaccini è operativo dal 1 giugno del 2021 e sarà valido fino al 2030, ma in quasi un anno di vita è rimasto solo sulla carta.

A bloccare gli investimenti delle imprese sarebbe stato infatti un aggettivo nel primo comma dell’articolo 31 della legge 106/2021 che è stato anche modificato durante la conversione del decreto Sostegni bis, ma che di fatto non ha cambiato nulla: se nel primo testo si parlava di bonus riconosciuto solo per la ricerca sui farmaci e i vaccini «innovativi» il testo definitivo parla più genericamente di ricerca su «nuovi» farmaci e vaccini. Una dizione appunto molto generica che rischia di provocare equivoci e fraintendimenti che per ora hanno allontanato le aziende preoccupate di vedersi chiedere indietro l’agevolazione: Cosa significa infatti esattamente farmaci «nuovi»? La ricerca non è nuova e innovativa di per sé? Interrogativi a cui ora si proverà a rispondere: il ministero dello Sviluppo economico da settimane è in pressing con l’agenzia delle Entrate per arrivare a una soluzione e per questo dovrebbe far partire un tavolo che possa chiarire i punti poco chiari della norma. Sul punto potrebbe arrivare dunque una circolare esplicativa del Fisco o forse anche una modifica legislativa della stessa norma.


Fonte Il Sole 24 Ore


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il decreto aiuti interviene sul credito d’imposta per investimenti in beni immateriali 4.0, i software, disponendo l’innalzamento del beneficio dal 20 al 50%. La maggiorazione si applica retroattivame

Con l’aggiornamento del modello per la comunicazione dell’incremento del valore delle rimanenze finali di magazzino nel settore tessile, della moda e degli accessori comunicato il 6 maggio dall’agenzi

Sei mesi in più per non perdere il bonus per gli investimenti in beni strumentali e agganciare le aliquote più alte per gli acquisti di beni «Industria 4.0». Le commissioni Affari costituzionali e Bil