• Administrator

Export: boom di operazioni Simest

Simest continua a spingere la corsa dell’export, a documentarlo sono i numeri che fotografano l’andamento 2021 del contributo export su credito fornitore, uno degli strumenti di supporto delle esportazioni di beni strumentali (impianti e macchinari) che la società presieduta da Pasquale Salzano e guidata da Mauro Alfonso gestisce in convenzione con il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale: +60% sull’anno prima per un controvalore complessivo pari a 406 milioni di euro. Tradotto: 115 operazioni concluse lo scorso anno (+200% rispetto al 2020) in favore di 62 Pmi e midcap italiane, con vendite in 40 paesi esteri.


La gestione dello strumento consente a Simest di erogare, a valere sul fondo pubblico 295/73, un contributo in conto interessi a fondo perduto direttamente all’esportatore italiano in modo da permettere all’imprenditore l’offerta di dilazioni di pagamento a condizioni di acquisto competitive dei suoi prodotti. Il contributo viene assicurato all’azienda italiana, pmi o midcap, nel momento in cui avviene lo sconto dei titoli di pagamento presso un istituto scontante emessi dall’acquirente estero a fronte delle rate di pagamento dovute. In sostanza, lo strumento va a compensare la differenza, se positiva, tra il tasso di sconto chiesto dall’istituto e il tasso di interesse per la dilazione del pagamento ottenuto dall’esportatore permettendo, dunque, a quest’ultimo di ridurre o, addirittura, di azzerare i costi dell’operazione.


Fonte Il Sole 24 Ore

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Simest, società del Gruppo CDP per l’internazionalizzazione delle imprese italiane, comunica che tutte le risorse assegnate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) al Fondo 394 sono state p

Nuovi incentivi per le imprese che operano sui mercati internazionali. La legge di Bilancio (legge 234/2021) rifinanzia sia il Fondo rotativo previsto dalla legge 394/1981 a favore delle imprese itali