top of page
  • Administrator

Export del made in Italy in aumento

Negli ultimi dieci anni il valore dell’export del made in Italy agroalimentare è cresciuto dell’81%: a calcolarlo è l’Ismea che ha presentato il suo ultimo rapporto sull’internazionalizzazione del cibo e delle bevande italiane, che sui mercati esteri sono passati dai 33,5 miliardi del 2013 ai 60,7 miliardi del 2022.

Con quasi 28 miliardi di euro, venti prodotti distintivi del made in Italy rappresentano da soli il 53% del valore totale dell’export agroalimentare.


A quali categorie in particolare si deve il successo dell’Italia sulle tavole mondiali? I primi cinque campioni dell’export, in termini di valore, sono il vino, la pasta, il tabacco lavorato - la cui forte crescita si deve a un accordo commerciale del 2016 tra il governo italiano e la multinazionale giapponese Jti - i formaggi stagionati e i prodotti della panetteria e della pasticceria, in particolare le pizze e i dolci da ricorrenza. Nel quinquennio 2017-2021 i maggiori tassi di crescita sono stati messi a segno dal comparto delle salse e dei sughi, che hanno segnato un aumento medio annuo del 9,1%. Al secondo posto ci sono i derivati dei cereali, tra cui la pasta (+7,8% annuo); seguono latte e derivati (+8,2%).

Anche nel 2022 pasta, formaggi freschi e grattugiati, pomodori pelati, polpe e passate, riso, caffè, acque minerali e spumanti si sono confermati tra i prodotti che registrano i maggiori aumenti delle esportazioni, con variazioni in valore comprese tra il +19,4% degli spumanti e il +38,4% della pasta, e variazioni positive anche delle quantità esportate.

Nel 2020 invece, nonostante la chiusura quasi completa dei canali Horeca in tutto il mondo per colpa del Covid, le esportazioni di alcuni prodotti agroalimentari nazionali sono comunque cresciute molto rispetto all’anno precedente. Le variazioni della pasta, del riso, delle passate di pomodoro e delle polpe, ma anche dell’olio e dei formaggi freschi, sostengono gli esperti dell’Ismea, dimostrano che il consumo all’estero del cibo made in Italy non è solo legato alle occasioni speciali e ai pasti fuori casa, ma fa ormai parte delle abitudini quotidiane in molte aree del mondo. Più legate alle sorti di bar e ristoranti, e quindi penalizzate nell’anno del lockdown, sono state le esportazioni di vini in bottiglia, spumanti, formaggi stagionati, acque minerali, caffè e in misura minore i prodotti della panetteria e pasticceria. Ma tutte, nel 2021, hanno recuperato la perdita dell’anno precedente.


Fonte Il Sole 24 Ore

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pmi che esportano leader negli investimenti

Le piccole e medie imprese che esportano, pur essendo più esposte a ciò che accade oltre confine, sono quelle che stimano un anno più roseo: più di una su tre (36%) ritiene che nel 2024 registrerà un

Fondo Simest da 4 miliardi per le Pmi

Novità per il Fondo 394 per l’internazionalizzazione delle aziende, la cui nuova operatività, insieme alla dote da 4 miliardi di euro, sarà ufficializzata martedì prossimo alla Farnesina. La nuova ope

Simest: in arrivo 300 milioni

Mancano gli ultimi passaggi tecnici per rendere operativa la misura poichè le risorse previste (300 milioni di euro) sono già disponibili: entro metà giugno, le imprese colpite dall’alluvione dell’Emi

Comentarios


Los comentarios se han desactivado.
Post: Blog2 Post
bottom of page