top of page
  • Administrator

Fondo Simest da 4 miliardi per le Pmi

Novità per il Fondo 394 per l’internazionalizzazione delle aziende, la cui nuova operatività, insieme alla dote da 4 miliardi di euro, sarà ufficializzata martedì prossimo alla Farnesina.


La nuova operatività del Fondo 394, così come strutturata da Simest in raccordo con la Farnesina, porta con sé alcune novità importanti. La prima è il sostegno degli investimenti per la transizione ecologica e digitale e per il rafforzamento della solidità patrimoniale delle imprese con vocazione internazionale, ma anche, per la prima volta, l’estensione dei benefici connessi alla misura alle imprese appartenenti alle filiere produttive votate all’export e a quelle impattate dai rincari dei costi energetici. Per non dire delle condizioni dedicate alle aziende con interessi diretti in aree strategiche per il Made in Italy (a cominciare dai Balcani Occidentali) e a quelle localizzate nei territori colpiti dalla recente alluvione in Emilia-Romagna e nei territori vicini.

Novità rilevanti, poi, anche sul fronte delle linee di intervento agevolativo che salgono a sei. Oltre alle quattro già esistenti, infatti, ma rinnovate nei contenuti per intercettare al meglio le esigenze e i bisogni delle imprese (inserimento mercati, e-commerce, fiere ed eventi e temporary manager),ci saranno due nuovi binari, vale a dire transizione digitale o ecologica e certificazioni e consulenze in modo da sostenere la competitività internazionale.

La valenza strategica per le pmi dello strumento, la cui accessibilità potrà far leva anche sui canali bancari, è, quindi, chiara. Come lo è il vantaggio legato alle condizioni garantite dal Fondo 394, grazie al quale le imprese potranno beneficiare di finanziamenti a tassi agevolati fino allo 0,464% (l’asticella a luglio), a cui si potrà aggiungere una quota di cofinanziamento a fondo perduto fino al 10% riservato alle pmi con determinate caratteristiche: sede operativa al Sud (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia); imprese innovative, giovanili e/o femminili, o dotate di certificazioni di sostenibilità e ambientali. Possono inoltre accedere al cofinanziamento a fondo perduto del 10% tutte le imprese con interessi diretti nei Balcani Occidentali o localizzate nei territori colpiti dall’alluvione, come pure le aziende dotate di specifiche politiche di sostenibilità ambientale e sociali nei confronti delle proprie filiere produttive. Che, come detto, potranno sfruttare i vantaggi legati alla nuova operatività del Fondo, la cui partenza ufficiale è fissata per il 27 luglio: a partire dalle ore 9 le imprese potranno presentare la domanda direttamente sul portale Simest dei finanziamenti agevolati.


Il perimetro del nuovo Fondo 394 sarà quindi illustrato martedì nel corso dell’evento che sarà moderato dal direttore generale per la promozione del sistema Paese della Farnesina, Lorenzo Angeloni, e che vedrà anche la firma di un accordo di collaborazione tra il presidente di Simest, Pasquale Salzano, e quello dell’Ice, Matteo Zoppas, per favorire la conoscenza e il miglior utilizzo, da parte delle imprese, dei servizi per l’internazionalizzazione delle due società.


Fonte Il Sole 24 Ore


Post recenti

Mostra tutti

Simest, agevolazioni per transizione ecologica e digitale

Simest da gennaio a fine giugno ha fatto segnare un exploit per il Fondo 394, lo strumento di finanza agevolata gestito in convenzione con il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione interna

Sace e Made in Italy green

Le tecnologie a basse emissioni di carbonio lanceranno un formidabile assist all’export italiano. Sarà, quindi, il made in Italy a trazione green a offrire le migliori opportunità per l’ulteriore affe

Pmi che esportano leader negli investimenti

Le piccole e medie imprese che esportano, pur essendo più esposte a ciò che accade oltre confine, sono quelle che stimano un anno più roseo: più di una su tre (36%) ritiene che nel 2024 registrerà un

Comments


Commenting has been turned off.
Post: Blog2 Post
bottom of page