top of page
  • Administrator

Parco Agrisolare, arriva l'ok di Bruxelles

Finanziamenti a fondo perduto fino all’80% dei costi sostenuti per realizzare impianti fotovoltaici nelle imprese agricole, zootecniche e agroindustriali per l’autoconsumo, semplice e «condiviso». Ha ricevuto il via libera della Commissione europea ed è pronto per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale del 19 aprile sul parco agrisolare che istituisce il nuovo regime di aiuti per gli interventi su edifici a uso produttivo nei tre settori agricolo, zootecnico e agroindustriale.


Il Dm, in 14 articoli, programma le risorse residue per il parco agrisolare (al netto di quelle già stanziate con i decreti approvati in precedenza: l’investimento vale in tutto 1,5 miliardi fino al 2026) per un importo totale di 993 milioni, che saranno assegnati tramite un avviso che all’Agricoltura contano di pubblicare a luglio. Come prevede “quota Sud”, il 40% è destinato al finanziamento di progetti da realizzare in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Soggetto attuatore è il Gse (Gestore servizi energetici). Insieme all’acquisto e alla posa di pannelli fotovoltaici sulle coperture dei fabbricati, con potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 1000 kWp, potranno essere eseguiti anche interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto, di realizzazione dell’isolamento termico dei tetti e sistemi di aerazione connessi alla sostituzione dei tetti.

Il grosso delle risorse, circa 700 milioni, andrà a finanziare il contributo a fondo perduto dell’80% per le imprese della produzione agricola primaria, con limite di autoconsumo; altri 75 milioni, invece, sosterranno contributi del 30%, senza vincolo di autoconsumo. Quasi 150 milioni copriranno contributi a fondo perduto fino all’80% per le aziende di trasformazione dei prodotti agricoli in agricoli, 75 per le imprese della trasformazione in non agricolo.


Fonte Il Sole 24 Ore

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Legge Sabatini e capitalizzazione

Sabatini, al via gli incentivi per favorire la capitalizzazione delle piccole e medie imprese: le Pmi che vogliono richiedere il contributo devono essere costituite come società di capitali e i loro s

Nuova Sabatini green e certificazione dei fornitori

Nuova Sabatini green: l'agevolazione messa a disposizione dal ministero delle Imprese e del Made in Italy cambia e pone l’accento sulla sostenibilità. Con le modifiche apportate alle fine del 2023, vi

Lazio, agevolazioni per l'innovazione

La Regione Lazio, con l’obiettivo di ampliare l’offerta di servizi dedicati a innovatori, creativi, start up e micro, piccole e medie imprese, ha programmato un investimento di 34 milioni sulla Rete S

Comments


Commenting has been turned off.
Post: Blog2 Post
bottom of page