• Administrator

Situazione del Fondo crescita sostenibile

Sono già due le agevolazioni attive a livello nazionale per sostenere attività di ricerca e sviluppo nell’ambito del green deal.


Il primo bando, partito il 10 dicembre 2020, presenta una dotazione di 217 milioni; ad oggi lo sportello di accesso alla misura a favore dell’economia circolare è aperto, nonostante sia trascorso oltre un anno. Il bando, che sostiene progetti da 500mila a 2 milioni di euro, concede agevolazioni per progetti di ricerca e sviluppo con l’obiettivo di accompagnare i processi di transizione del sistema produttivo verso un’economia circolare. Fornisce sostegno alle attività economiche che desiderano ripensare o riconvertire il modello produttivo attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi, o rivolti al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali. Può riguardare, a tiolo esemplificativo, l’innovazione di prodotto e di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse, la progettazione e sperimentazione prototipale di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale, lo studio di strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo.


Il secondo bando è in prossima uscita, e agevola interventi da 3 a 10-40 milioni di euro; sono ammissibili i programmi di innovazione sostenibile che prevedano attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e, limitatamente alle Pmi, anche di industrializzazione dei risultati di R&S. Questi devono essere coerenti con le finalità previste dal bando. Possono riguardare progetti relativi alla decarbonizzazione dell’economia, all’economia circolare, alla riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi, alla rigenerazione urbana, al turismo sostenibile, all’adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico.

Le domande possono essere presentate in partenariato, ma è previsto un numero massimo di soggetti che può arrivare a tre, nel caso dei progetti presentati a valere sulla procedura a sportello alla quale sono ammessi interventi con valore investimento compreso tra i 3 e i 10 milioni. Il numero può salire a cinque, nel caso dei progetti presentati a valere sulla procedura negoziale; a questa sono ammessi progetti con valore investimento compreso tra i 10 e i 40 milioni.


Fonte Il Sole 24 Ore


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Dal Pnrr arrivano oltre 350 milioni di rifinanziamento che permettono la riapertura, dal 28 novembre 2022, dei contratti di sviluppo a sostegno di programmi su fotovoltaico (Pv), eolico e batterie. La

Da oggi, 17 novembre, le imprese possono presentare domanda per le agevolazioni a progetti innovativi previste dal “Green new deal”: in tutto sono disponibili 750 milioni. L’incentivo, un mix di finan

Pubblicato il decreto direttoriale 14 novembre 2022 del Ministero delle Imprese e del Made in Italy che stabilisce termini e modalità per la presentazione delle domande di agevolazione a valere sul se