• Administrator

Situazione del Fondo crescita sostenibile

Sono già due le agevolazioni attive a livello nazionale per sostenere attività di ricerca e sviluppo nell’ambito del green deal.


Il primo bando, partito il 10 dicembre 2020, presenta una dotazione di 217 milioni; ad oggi lo sportello di accesso alla misura a favore dell’economia circolare è aperto, nonostante sia trascorso oltre un anno. Il bando, che sostiene progetti da 500mila a 2 milioni di euro, concede agevolazioni per progetti di ricerca e sviluppo con l’obiettivo di accompagnare i processi di transizione del sistema produttivo verso un’economia circolare. Fornisce sostegno alle attività economiche che desiderano ripensare o riconvertire il modello produttivo attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi, o rivolti al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali. Può riguardare, a tiolo esemplificativo, l’innovazione di prodotto e di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse, la progettazione e sperimentazione prototipale di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale, lo studio di strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo.


Il secondo bando è in prossima uscita, e agevola interventi da 3 a 10-40 milioni di euro; sono ammissibili i programmi di innovazione sostenibile che prevedano attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e, limitatamente alle Pmi, anche di industrializzazione dei risultati di R&S. Questi devono essere coerenti con le finalità previste dal bando. Possono riguardare progetti relativi alla decarbonizzazione dell’economia, all’economia circolare, alla riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi, alla rigenerazione urbana, al turismo sostenibile, all’adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico.

Le domande possono essere presentate in partenariato, ma è previsto un numero massimo di soggetti che può arrivare a tre, nel caso dei progetti presentati a valere sulla procedura a sportello alla quale sono ammessi interventi con valore investimento compreso tra i 3 e i 10 milioni. Il numero può salire a cinque, nel caso dei progetti presentati a valere sulla procedura negoziale; a questa sono ammessi progetti con valore investimento compreso tra i 10 e i 40 milioni.


Fonte Il Sole 24 Ore


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

È pronto il disegno di legge delega sul riassetto degli incentivi alle imprese: si tratta di un provvedimento previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza e incluso tra i Ddl collegati alla le

Al via un fondo da 130 milioni per le imprese industriali danneggiate dal conflitto. Destinatarie le Pmi che rientrano in uno dei 26 settori più colpiti dalla crisi e inseriti nell’allegato alla comun

Nuova finanza per 10 miliardi di euro di prestiti che le banche sono pronte ad attivare a favore delle piccole e medie imprese: lo strumento è l’accordo annunciato dall’ ad di Cassa depositi e prestit