top of page
  • Administrator

Buono Fiere previsto nel Dl Aiuti

Dal 9 settembre sarà possibile per le imprese italiane fare richiesta del «Buono Fiere» previsto nel Dl Aiuti, il nuovo incentivo che punta a favorire la partecipazione delle aziende italiane alle manifestazioni fieristiche internazionali organizzate in Italia. Il Ministero dello sviluppo economico ha infatti pubblicato ieri il decreto che rende operativa la misura introdotta nell’articolo 25-bis del primo decreto Aiuti, per la quale sono state messe a disposizione risorse pari a 34 milioni di euro. «Le fiere sono la vetrina delle nostre imprese, luoghi che favoriscono l’incontro tra gli espositori e visitatori da tutto il mondo – ha detto il ministro Giancarlo Giorgetti –. Il Buono Fiere punta a contribuire sia alla promozione e valorizzazione del sistema produttivo nazionale, sia alla ripresa del settore fieristico, particolarmente colpito dalla pandemia e dalle conseguenze del conflitto in Ucraina».


La misura prevede un contributo a fondo perduto, per un massimo di 10mila euro, pari al 50% delle spese sostenute dalle imprese che partecipano a fiere internazionali sul territorio italiano nel periodo che va dal 16 luglio al 31 dicembre 2022. Gli eventi rispetto ai quali è valido il Buono sono quelli inseriti nel calendario fieristico approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e che interessano diversi settori.


Fonte Il Sole 24 Ore

Post recenti

Mostra tutti

Pmi che esportano leader negli investimenti

Le piccole e medie imprese che esportano, pur essendo più esposte a ciò che accade oltre confine, sono quelle che stimano un anno più roseo: più di una su tre (36%) ritiene che nel 2024 registrerà un

Fondo Simest da 4 miliardi per le Pmi

Novità per il Fondo 394 per l’internazionalizzazione delle aziende, la cui nuova operatività, insieme alla dote da 4 miliardi di euro, sarà ufficializzata martedì prossimo alla Farnesina. La nuova ope

Simest: in arrivo 300 milioni

Mancano gli ultimi passaggi tecnici per rendere operativa la misura poichè le risorse previste (300 milioni di euro) sono già disponibili: entro metà giugno, le imprese colpite dall’alluvione dell’Emi

Comments


Commenting has been turned off.
Post: Blog2 Post
bottom of page